venerdì 10 ottobre 2008

ALTRO CHE EMERGENZA ECONOMICA... IN ITALIA C'E' UN'EMERGENZA UMANITARIA

NON E’ POSSIBILE! IN ALTRI PAESI QUESTE CIFRE FAREBBERO RABBRIVIDIRE, IN ITALIA, INVECE, RIENTRIAMO SOLO NELLA MEDIA. DALL’INIZIO DELL’ANNO PER LAVORO SONO MORTI 816 PERSONE, ALTRE 816448 SI SONO INFORTUNATE, PIU’ O MENO GRAVEMENTE, E 20411 SONO RIMASTE INVALIDE. IERI ALTRE TRAGEDIE, ANCHE SE COMINCIO A DUBITARE CHE POSSA INTERESSARE QUALCUNO SE NON I FAMILIARI E DONNE E UOMINI DALLA SENSIBILITA’ PIU’ MARCATA. IN PROVINCIA DI MACERATA, UN LAVORATORE AGRICOLO DI 54 ANNI E’ MORTO AFFONDANDO NELLA VASCA DEI LIQUAMI DI UN ALLEVAMENTO DI SUINI. UN OPERAIO E’ MORTO E UN ALTRO E’ RIMASTO FERITO IN UN INCIDENTE AVVENUTO NEI PRESSI DI PAVIA: L’UOMO, DIPENDENTE DI UN’AZIENDA CHE PRODUCE VERNICI, RESINE E DILUENTI, SI SAREBBE CALATO IN UNA CISTERNA VUOTA PER FARE MANUTENZIONE, MA NON SAREBBE PIU’ RIEMERSO, IL SUO COLLEGA CALATOSI PER VERIFICARE LE CONDIZIONI DEL COMPAGNO E’ RIMASTO INTOSSICATO. UN ENNESIMO INCIDENTE MORTALE E’ AVVENUTO A GROSSETO DOVE UN IMPRENDITORE HA PERSO LA VITA CADENDO DA UN CAPANNONE. SONO MORTI ORRIBILI NON SOLO PER LE MODALITA’ CON CUI AVVENGONO, MA ANCHE PER L’INDIFFERENZA CHE RISCONTRANO, IL PROBLEMA E’ CHE ABBIAMO PERSO LA CAPACITA’ DI IMMEDESIMAZIONE... PROVIAMO A PENSARCI OGNI TANTO!

1 commento:

caramella-fondente ha detto...

I morti sul lavoro si contano già a dozzine. La situazione è tragica ed è veramente emergenza umanitaria. Di fronte a questa situazione esiste un muro di silenzio. Esiste anche una responsabilità del governo italiano che non si è mai adoperato come dovrebbe!!!