mercoledì 28 maggio 2008

LA VERA EMERGENZA E' A ROMA

NON PENSAVO CHE I PRIMI SEGNALI DI CAMBIAMENTO POTESSERO PALESARSI IN COSI' BREVE TEMPO: A POCHI GIORNI DALL'INSEDIAMENTO UFFICIALE DELL'EX MISSINO ALEMANNO A SINDACO DELLA CAPITALE CI SONO STATI DUE ASSALTI SQUADRISTI. AL PIGNETO, UNA ZONA DI ROMA, E' STATO TESO UN AGGUATO AL TITOLARE DI UN NEGOZIO DEL BANGLADESH, IERI UNA CELLULA NEONAZISTA HA CARICATO DEI GIOVANI STUDENTI DI SINISTRA DELL'UNIVERSITA' "LA SAPIENZA". A CIO' SI AGGIUNGE L'INTERESSANTE DIBATTITO SULL'EVENTUALITA' DI DEDICARE UNA STRADA A GIORGIO ALMIRANTE. NON DICO CHE LA COLPA DI TUTTO CIO' SIA DI ALEMANNO, NON GLI E' IMPUTABILE DIRETTAMENTE ALCUNA RESPONSABILITA', MA L'ASSENZA DI UNA FERMA CONDANNA A QUESTI EPISODI, I SALUTI ROMANI IL GIORNO DELLA SUA ELEZIONE E QUELLA CROCE CELTICA AL COLLO NON PROMETTONO NULLA DI BUONO ...E POI DICONO CHE LA VERA EMERGENZA E' LA SICUREZZA! NON PUO' PASSARE QUESTO SENTIMENTO DI CACCIA AL DIVERSO, E' ANACRONISTICO, E' CATTIVO. E MENTRE LA CHIESA CONTINUA A DIRE CHE IL VERO PROBLEMA E' IL SOSTEGNO ALLA FAMIGLIA, I BAMBINI DI NAPOLI NEI LORO TEMI SCRIVONO CHE HANNO FATTO BENE A INCENDIARE I CAMPI ROM...

mercoledì 21 maggio 2008

QUELLI CHE LA MONNEZZA... E I ROM

QUELLO CHE SI APRE OGGI A NAPOLI E' IL PRIMO CONSIGLIO DEI MINISTRI OPERATIVO DEL IV GOVERNO BERLUSCONI. E' STATA SCELTA LA SEDE DI NAPOLI PER L'ANNOSO PROBLEMA DELLA SPAZZATURA PER LE STRADE PARTENOPEE ANCHE SE LA QUESTIONE DOVREBBE ESSERE TRATTATA SOLO MARGINALMENTE, DAL MOMENTO CHE LA SOLUZIONE SEMBRA ESSERE STATA INDIVIDUATA: IL RITORNO DI BERTOLASO, GIA' COMMISSARIO STRAORDINARIO E L'APERTURA DI DIECI NUOVE DISCARICHE... CHE LUNGIMIRANZA! E PENSARE CHE LA SOLUZIONE ERA COSI' SEMPLICE, COME MAI NON E' STATA INDIVIDUATA DAL GOVERNO PRODI? OGGI L'ATTENZIONE DOVREBBE SPOSTARSI SUL PROBLEMA SICUREZZA, SUL TAGLIO ICI E SULLA DETASSAZIONE DEGLI STRAORDINARI. L'ERRORE PRINCIPALE CHE SI APPRESTA A FARE IL NUOVO GOVERNO, PROBABILMENTE VOLUTO, E' ASSOCIARE LA QUESTIONE SICUREZZA ALL'IMMIGRAZIONE CLANDESTINA E IN PARTICOLARE ALLA CACCIA AL ROM. MAI COME IN QUESTI GIORNI I MEDIA NOSTRANI SONO PRODIGHI DI NOTIZIE DI ZINGARI CHE CERCANO DI RAPIRE BAMBINI ITALIANI, COME COLTI DA UN RAPTUS LESIONISTA. CREDO CHE SI STIA ESAGERANDO MOLTO E CHE IL PROBLEMA SICUREZZA SI RISOLVA CON UN'UNICA, UNIVERSALE RICETTA VALIDA PER ITALIANI, COMUNITARI, EXTRACOMUNITARI E CLANDESTINI: LA CERTEZZA DELLA PENA E IL MIGLIORAMENTO DELLA SITUAZIONE CARCERARIA. IL CARCERE DEVE AVERE ESSENZIALMENTE LA FUNZIONE DEL RECUPERO SOCIALE DEI CONDANNATI. IL TAGLIO DELL'ICI, E SICURAMENTE SARO' IMPOPOLARE IN CIO' CHE DICO, E' UNA MISURA ALTAMENTE SPEREQUATIVA: VENENDO A MANCARE RISORSE FONDAMENTALI PER I COMUNI SI DETERMINA UNA MANCANZA DI FONDI CHE DEVONO ESSERE RECUPERATI IN QUALCHE MODO, MAGARI CON L'AUMENTO DELL'ADDIZIONALE COMUNALE SULL'IRPEF; COSI' FACENDO, PERO', SI ELIMINA INTEGRALMENTE UN'IMPOSTA CHE COLPISCE I POSSESSORI DI IMMOBILI E SE NE INTRODUCE UNA CHE COLPISCE TUTTI INDISTINTAMENTE. INFINE LA DETASSAZIONE DEGLI STRAORDINARI E' IN PERFETTA SINTONIA CON LA FAMIGERATA LEGGE BIAGI, L'OBIETTIVO FINALE E' QUELLO DI IMPEDIRE CHE I GIOVANI DISOCCUPATI ITALIANI CONTINUINO A RIMANERE TALI. NON C'E' CHE DIRE... PROPRIO UN BELL'INIZIO!

martedì 20 maggio 2008

mercoledì 14 maggio 2008

FASCISMI IMPERANTI

HO PROVATO UN MOTO DI SCONFORTO IERI ALLA PRESENTAZIONE DEL QUARTO GOVERNO BERLUSCONI ALLA CAMERA DEI DEPUTATI. QUANDO HO VISTO VELTRONI E D'ALEMA APPLAUDIRE L'UOMO DI ARCORE, QUEST'ULTIMO RICAMBIARE A FASSINO ED ELOGIARE IL GOVERNO OMBRA, HO PROVATO UNA TRISTEZZA PROFONDA E HO CAPITO CHE L'ASSENZA DELLA SINISTRA SI FARA' SENTIRE NON POCO IN QUESTA LEGISLATURA. MI SONO DEPRESSO ANCORA DI PIU' QUANDO MI SONO SENTITO VICINO ALLE POSIZIONI DI DI PIETRO. BERLUSCONI E IL SUO GOVERNO SONO PERICOLOSI PER LA DEMOCRAZIA E PER LA CULTURA, LA PRESENZA DELLA LEGA NELLE ISTITUZIONI NON E' SEMPLICEMENTE LA VOCE DEL NORD, L'ACCOGLIENZA DI ISTANZE GENERICHE PROVENIENTI DALLA PARTE SETTENTRIONALE DEL NOSTRO PAESE, MA UN SEGNALE NEGATIVO DI COME STIA CAMBIANDO LA NOSTRA SOCIETA', DI COME ESSA SIA DIVENTATA PIU' EFFERATA, DELLA DILAGANTE CULTURA RAZZISTA. A NAPOLI E' BASTATO CHE UNA RAGAZZA NOMADE TENTASSE DI RAPIRE UN BAMBINO, PER CARITA' UNA COSA ORRENDA DA CONDANNARE E DA PUNIRE RIMANENDO, PERO', NELL'AMBITO DELLA LEGALITA': NON SI PUO' GENERICAMENTE CONDANNARE UNA CULTURA, COME QUELLA DEI ROM, PER UN EPISODIO DEL GENERE E IL PACCHETTO SICUREZZA DEL MINISTRO MARONI IMPRONTATO ALLA CACCIA ALLO ZINGARO NON AIUTA IN TAL SENSO. E L'OMICIDIO DI VERONA E QUELLO DELLA QUATTORDICENNE DI CALTANISETTA CHE CONSEGUENZE DOVREBBERO PORTARE? LO STERMINIO DEGLI ITALIANI! LA DELINQUENZA E LA CATTIVERIA DELLE PERSONE NON CONOSCONO IL CONFINE DEL COLORE DELLA PELLE O DEL LUOGO DI NASCITA SONO UNA COSA IMMONDA, COME IMMONDO RISCHIA DI DIVENTARE IL NOSTRO PAESE.

lunedì 12 maggio 2008

IL PAPA CESARE

NON CI RIESCE PROPRIO BENEDETTO XVI A NON INTERFERIRE NELLE VICENDE DELLO STATO ITALIANO. ANCORA UNA VOLTA IL PASTORE TEDESCO SI E' SENTITO DI INTERVENIRE SU UNA LEGGE DELLA REPUBBLICA PASSATA AL VAGLIO DI UN REFERENDUM POPOLARE: LA 194. IL TONO E' SEMPRE IL SOLITO, CONDANNA PER UNA LEGGE CHE "NON SOLO NON HA RISOLTO I PROBLEMI CHE AFFLIGGONO MOLTE DONNE E NON POCHI NUCLEI FAMILIARI, MA HA APERTO UN'ULTERIORE FERITA NELLE NOSTRE SOCIETA', GIA' PURTROPPO GRAVATE DA PROFONDE SOFFERENZE". SE C'E' UN'ISTITUZIONE CHE NON RIESCE A COMPRENDERE LE SOFFERENZE ALTRUI E' PROPRIO LA CHIESA CATTOLICA CHE NON VUOLE AMPLIARE LA PROPRIA VISIONE DELLA VITA OLTRE LA PROPRIA CORTINA IDEOLOGICA E NON CONSENTE UNA CRESCITA CULTURALE, MODERNA E VICINA ALLA GENTE. LA CHIESA NON E' DI TUTTI!

mercoledì 7 maggio 2008

martedì 6 maggio 2008

UN PRESIDENTE SUPERPARTES

"QUEL GRUPPO NEONAZISTA VA PRESO, MESSO IN GALERA E RIEDUCATO, NON CI PUO' ESSERE NESSUN TIPO DI SOLIDARIETA' (...) L'EPISODIO DI TORINO E' MOLTO PIU' GRAVE PERCHE' NON E' LA PRIMA VOLTA CHE FRANGE DELLA SINISTRA RADICALE DANNO VITA AD AZIONI CONTRO ISRAELE CHE CERCANO DI GIUSTIFICARE CON UNA POLITICA ANTISIONISTA"
Gianfranco Fini, Presidente della Camera dei Deputati, ex segretario del MSI