martedì 27 novembre 2007

ANCORA E ANCORA E ANCORA...

952! TANTI SONO I MORTI PER LAVORO DALL'INIZIO DELL'ANNO: LUNEDI' ALTRE DUE STORIE. SONO DIVENTATE TALMENTE TANTE CHE ORMAI CI DIMENTICHIAMO LE PRECEDENTI, CI STIAMO ABITUANDO ANCHE A QUESTO, COME D'ALTRONDE CI SIAMO ABITUATI AI MORTI DELLE GUERRE, AGLI INCIDENTI DEL SABATO SERA, ALLE VITTIME DELLE DROGHE, ALLE CATASTROFI AMBIENTALI. MA FERMIAMOCI UN MOMENTO E PENSIAMO AL DOLORE DI MAURIZIO ALBERTAZZI CHE LUNEDI' E' STATO SCHIACCIATO DALLE MURA CROLLATE NEL LOCALE CALDAIA DOVE STAVA LAVORANDO O A QUELLO DI GIOVANNI BENENATI PRECIPITATO DAL TETTO DI UN CAPANNONE BATTENDO IL CAPO SULL'ASFALTO DOPO UN VOLO DI 8 METRI, PENSIAMO ALLO STRAZIO DELLE LORO FAMIGLIE E A COME L'INDIFFERENZA UCCIDA CONTINUAMENTE I FAMIGERATI MORTI BIANCHI.

NON ERA IL CASO DI FARE CHIAREZZA?

"SPERIAMO CHE MUOIANO TUTTE QUELLE ZECCHE" - "TANTO E' GIA' 1 A 0 PER NOI"
Due agenti della polizia durante il G8 di Genova

lunedì 26 novembre 2007

RIPRISTINIAMO L'ORDINE COSTITUZIONALE

NON VOGLIO PARLARE DEI RECENTI FATTI DI CRONACA ACCADUTI IN AFGHANISTAN, MI VOGLIO LIMITARE AD UNA CONSIDERAZIONE: SIAMO UN PAESE IN GUERRA, UNA GUERRA DICHIARATA UNILATERALMENTE DAL NOSTRO ALLEATO AMERICANO, IN CUI ABBIAMO PERSO GIA' TROPPI UOMINI E CHE E' CONTRARIA AL PRINCIPIO COSTITUZIONALE CHE VEDE IL NOSTRO STATO RIPUDIARE LA GUERRA COME STRUMENTO D'OFFESA. MI SEMBRANO BUONI MOTIVI PER RITIRARE LE NOSTRE TRUPPE!

mercoledì 21 novembre 2007

MA CHE SOCIETA' MODERNA LA NOSTRA!



SECONDO UNA RICERCA CONDOTTA DALL'ISFOL, IN ITALIA PER UNA DONNA NON SOLO E' PIU' DIFFICILE TROVARE UN LAVORO, MA ANCHE TENERLO. LA MATERNITA' CONTINUA AD ESSERE UNA BARRIERA ARCHITETTONICA PER L'"HANDICAP" DI ESSERE DONNA, INFATTI NEL 2006 UNA LAVORATRICE SU NOVE E' USCITA DAL MERCATO DEL LAVORO DOPO AVER FATTO UN FIGLIO. MA NON BASTA: UNA DONNA SU QUATTRO E' PRECARIA E NEL 2006 SOLO IL 36,7% DELLE NUOVE OCCUPATE E' STATO ASSUNTO CON UN CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO (NEL 2005 ERA IL 41,4%). INTANTO IN ITALIA SI CONTINUA A MORIRE PER LAVORO, IERI E' STATA TOCCATA LA CIFRA DI 934 MORTI DALL'INIZIO DELL'ANNO.

MA CHE BELLA FACCIA DI... BRONZO!

A TITOLO DI RISARCIMENTO DANNO PER VIOLAZIONE DEI DIRITTI UMANI I SAVOIA PRETENDONO DALLO STATO ITALIANO, CIOE' DA NOI, 260 MILIONI DI EURO E PRECISAMENTE 170 MILIONI DI EURO LI RICHIEDE L'ILLUSTRE GALANTUOMO VITTORIO EMANUELE E 90 MILIONI ACCONTENTEREBBERO IL FIGLIO EMANUELE FILIBERTO (PIU' OVVIAMENTE GLI INTERESSI MATURATI E LA RESTITUZIONE DEI BENI CONFISCATI). E NOI COSA DOVREMMO CHIEDERE A QUESTI PERSONAGGI CHE DA QUANDO SONO RIENTRATI IN ITALIA, PERALTRO, HANNO COMBINATO SOLO GUAI?

martedì 13 novembre 2007

LA LOGICA DI PIERFERDY

"E' VERGOGNOSO CHE TROPPI POLITICI SE LA PRENDANO CON UN POLIZIOTTO CHE HA SBAGLIATO PIUTTOSTO CHE CON DELINQUENTI E TEPPISTI. QUESTO E' INACCETTABILE ED INTOLLERABILE"
Pierferdinando Casini, Presidente dell'UdC ed ex Presidente della Camera dei Deputati, dal sito del suo partito

lunedì 12 novembre 2007

GABRIELE SANDRI: RAGAZZO

E' SUCCESSO DI NUOVO, ANCORA UNA VOLTA L'ABUSO DI POTERE HA PORTATO ALLA MORTE DI UNA PERSONA, DI UN RAGAZZO. MENTRE IERI LE TELEVISIONI ABBONDAVANO DI COMMENTI STUPIDI SULLA VIOLENZA NEGLI STADI, SALVO PERPETRARE QUELLA NEGLI STUDI, SUI RITMI MASSACRANTI DELLE FORZE DELL'ORDINE PAGATE DUE SOLDI PER FARE GLI STRAORDINARI LA DOMENICA PER LE PARTITE, SI E' PERSO L'AGO DELLA BUSSOLA PER DIPANARSI NELLA VICENDA: UN POLIZIOTTO DELLA STRADALE, CHE NON SVOLGEVA IL PROPRIO SERVIZIO NELLO STADIO, PER SEDARE UNA PRESUNTA RISSA HA SPARATO DA UN LATO ALL'ALTRO DELLA CORSIA AUTOSTRADALE COLPENDO A MORTE UN RAGAZZO SEDUTO ALL'INTERNO DI UNA MACCHINA. SARA' IL CASO CHE QUALCUNO PAGHI PER QUESTO?

giovedì 8 novembre 2007

IL DECIMO COMANDAMENTO

"NON PUO' ENTRARE A FAR PARTE DI COSA NOSTRA CHI HA UN PARENTE STRETTO NELLE VARIE FORZE DELL'ORDINE, CHI HA TRADIMENTI SENTIMENTALI IN FAMIGLIA E CHI HA UN COMPORTAMENTO PESSIMO E CHE NON TIENE AI VALORI MORALI"
"Il decalogo del mafioso" ritrovato nella villetta di Giardinello (Palermo) dove è stato arrestato il boss Sandro Lo Piccolo

lunedì 5 novembre 2007

SENSAZIONI

NON VOGLIO PARLARE DELLE VIOLENZE MORTALI SUBITE DA UNA DONNA A ROMA, NE' DEL DOLORE IN CUI NAVIGA LA FAMIGLIA, NON VOGLIO ALIMENTARE POLEMICHE STUPIDE, NE STANNO FACENDO TROPPE IN QUESTI GIORNI. NON VOGLIO PARLARE DEL QUASI TOTALE SILENZIO DEL PAPA E DELLE ALTE SFERE VATICANE SEMPRE PRONTE NORMALMENTE A ILLUMINARCI LA VITA, MA IN EFFETTI QUI NON SI TRATTA DI CELLULE STAMINALI O DI ATTENTATI ALLA FAMIGLIA, CHE BELLA OCCASIONE PERSA! NON VOGLIO PARLARE DEL FALLIMENTO DELLA POLITICA, DEL SUO TEATRINO, DEI SUOI FIGURANTI, NE' DELL'INCERTEZZA DELLE PENE.
VOGLIO PARLARE DI RAID SUBITI DA POVERE PERSONE, DA PARTE DI GIOVANI STRONZI CRESCIUTI SENZA IDEALI E CHE FANNO DELLA MANIFESTAZIONE DELL'ODIO UN PASSATEMPO COME UN ALTRO, PUNITE SOLO PERCHE' APPARTENENTI ALL'ETNIA DEL MOMENTO, VOGLIO PARLARE DI BARACCHE FATISCENTI COSTRUITE LUNGO I LETTI DEI FIUMI CAPITOLINI, SENZA ACQUA, LUCE E GAS, DEI BAMBINI CHE CRESCONO IN QUESTI TUGURI SEMPRE TOLLERATI ORA ABBATTUTTI MISERAMENTE, VIGLIACCAMENTE. E INFINE VOGLIO PARLARE DI IMPRENDITORI SENZA SCRUPOLI CHE PRENDONO A LAVORARE, IN NERO, ROM-RUMENI-EXTRACOMUNITARI, PERCHE' COSTANO DI MENO E SE MUOIONO NON GLIENE FREGA NIENTE A NESSUNO E DI QUEGLI UOMINI CHE LA NOTTE SI CARICANO PROSTITUTE, ANCHE RUMENE, RACCOLTE PER STRADA ALIMENTANDO TRAFFICI SCHIFOSI DI CUI SONO I PRIMI RESPONSABILI. E' DI QUESTO CHE VOLEVO PARLARE...