lunedì 17 settembre 2007

GIRI DI WALTER

DOVEVA ESSERE UNA POSSIBILITA' PER IL GOVERNO PRODI, UNO STIMOLO E SOPRATTUTTO DOVEVA RAPPRESENTARE UN RAFFORZAMENTO DELL'ESECUTIVO E INVECE... LA DISCESA IN CAMPO DI WALTER VELTRONI HA CREATO PIU' GUAI CHE OPPORTUNITA', IL RISULTATO E' CHE OGGI L'ITALIA SI TROVA CON TRE PRESIDENTI DEL CONSIGLIO: IL LEGITTIMO, ROMANO PRODI, CHIUSO NELLA MORSA DEI PARTITI E DEI GIOCHI DI POTERE TUTTI INTERNI AL PD, WALTER VELTRONI, CHE SI COMPORTA DA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO IN PECTORE E CHE SENTE IL BISOGNO DI DIRE LA SUA SU OGNI ARGOMENTO (RICORDA MOLTO RUINI IN QUESTO!) E BERLUSCONI, CHE ANCORA CREDE ALLA FAVOLA DEI VOTI RUBATI DAL CENTROSINISTRA E CONSIDERA QUESTO IL SUO TERZO MANDATO CONSECUTIVO. QUEST'ULTIMO PERO' HA LA FORTUNA DI STARE ALL'OPPOSIZIONE PERTANTO GLI BASTA STARE FERMO E ASPETTARE IL PROSSIMO GIRO DI WALTER...

2 commenti:

francesca ha detto...

Ciao...aspettiamo il prossimo giro di walter!!!:)

Fortikaĵulo (alias Irnerio) ha detto...

Analisi semplice ed elementare, ma efficace, complimenti.
Io da uno come il Walter mi sarei aspettato una maggior discrezione in attesa delle primarie.
Mi pare si comporti come quelli che si candidano e poi si scopre che si sono votati da soli.